Archivi tag: Parafenilendiamina

PARAFENILDIMINA / COCAMIDOPROPILBETAINA.


PARAFENILDIMINA

Prodotto dell’industria chimica per la sintesi dei coloranti (blu di metilene, safranina) e di medicinali (anestetici locali, sulfamidici).

E’ largamente utilizzato dei parucchieri per tingere i capelli (tinture permanenti e semipermanenti), in pellicceria per tingere le pellicce e talora per colorare capi di abbigliamento scuri.

E’ usata anche, come antiossidante si trova in certi mangimi per animali, nei carburanti, negli olii e grassi lubrificanti.

E’ impiegata negli inchiostri da stampa, nelle miscele colorate per litografia, durante il processo di fotocopiatura, in reagenti di reazioni chimiche, negli sviluppi fotografici.

Nei soggetti sensibilizzati si possono verificare reazioni croociate con sostanze di gruppo “para”:

  • p-toluendiamina o PABA (filtro solare),
  • Sulfamidici,
  • Benzocaina (anestetico locale),
  • diuretici benzotiazidici e furosemide,
  • sulfaniluree (ipoglicemizzante orali),
  • acido p-aminosalicilico (antitubercolare),
  • p-aminodifenilmetano (antiossidante nel processo di lavorazione della gomma),
  • coloranti utilizzati per tessuti, cuoio, pellicce, alimenti, cosmetici e inchiostri.

MARTIGUES.

COCAMIDOPROPILBETAINA (TEGOBETAINA L7)

E’ un tensioattivo anfotero.

Si trova principlamente in prodotti detergenti (shampoo, saponi, bagnoschiuma…).

Trova inoltre i seguenti impieghi:

  • preparazione cosmetiche,
  • campo farmaceutico,
  • industria tessile e galvanica,
  • emulsione fotografiche,
  • bagni di sviluppo come decontaminante.

xxx

Lascia un commento

Archiviato in ALLERGIE.