Archivi categoria: ZANZARA TIGRE.

Contro la zanzara tigre.

CONTRO LA ZANZARA TIGRE.


INFORMIAMOCI

PER AVERE INFORMAZIONI: TELEFONARE AL NUMERO VERDE GRATUITO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DELL’EMILIA-ROMAGNA: 800 033 033 DAL LUNEDI AL VENERDI ORE 8.30 – 17.30 E IL SABATO ORE 8,30 – 13,30.
www.zanzaratigreonline.it

La zanzara tigre è stabilmente insediata nel nostro territorio fin dal 1994. La sua presenza ha sempre determinato disagi al punto da condizionare l’uso degli spazi aperti, riducendone la vivibilità. l’epidemia da febbre da virus Chikungunya, che ha interessato alcune aree dell’Emilia-Romagna nel 2007, ha messo in evidenza che la zanzara tigre può rappresentare un problema più grave della semplice molestia, in quanto può trasmettere questa malattia virale dal decorso benigno, che provoca febbre alta e dolori articolari, anche persistenti.
E’ quindi necessario intensificare la lotta alla zanzara tigre, poichè è dimostarto che essa è il vettore della trasmissione del virus Chikungunya e di altri virus come quello della Dengue.
I comuni, con il supporto della Regione Emilia-Romagna, hanno intensificato i piani di lotta e di disinfestazione, che prevedono trattamenti antivirali nelle aree pubbliche e interventi contro gli insetti adulti nellle zone particolarmente sensibili, come le scuole, gli ospedali, le struttture per anziani.
Ma la disinfezione delle aree pubbliche non basta. Solo un intervento collettivo può portare a risultati concreti: ridurre al minimo possibile la presenza di zanzare e di conseguenza, ridurre al minimo possibile la possibilità di infezioni da virus Chinkungunya.

LA ZANZARA TIGRE IMPARIAMO A CONOSCERLA

  • Originaria del sud-est asiatico, si è diffusa anche in Italia a partire dagli anni 90, a seguito dell’importazione di copertoni usati conteneti larve dell’insetto.
    L’insetto adulto ha un corpo nero con striature trasversali bianche sulle zampe e sull’addome e con una riga bianca che si prolunga dal capo al dorso.
    In Emilia-Romagna è attiva, con variazioni dovute al clima, da aprile a ottobre.

Les Champs-E'lyseés-Paris, 15-giungno-2009.

Les Champs-E'lyseés-Paris, 15-giungno-2009.

FEBBRE DA VIRUS CHINKUNGUNYA

  • La Chinkungunya è una malattia tropicale-trasmessa attraverso punture di zanzara tigre infetta – che si manifesta con sintomi simili a quelli dell’influenza: febbre alta, cefalea, stanchezza e soprattutto, importanti dolori articolari. In alcuni casi, si può sviluppare anche una manifestazione cutanea a volte pruriginosa.
  • La febbre raramente ha una durata superiore a una settimana, i dolori articolari possono persistere per settimane o anche per mesi.
  • La trasmissione del virus non avviene per contatto diretto tra persona e persona, ma è la zanzara tigre che trasmette la malattia attraverso la sua puntura.
    Il miglior modo per prevenire questa malattia è evitare di essere punti.

LA ZANZARA TIGRE, CON LO STESSO MECCANISMO, PUO’ TRASMETTERE ALTRE MALATTIE, COME LA DENGUE, PRESENTE IN MOLTI PAESI DELL’AREA TROPICALE, COMPRESO IL SUD AMERICA. LA DENGUE SI MANIFESTA CON SINTOMI SIMILI ALLA CHINKUNGUNYA, MA PUO’ DARE COMPLICANZE GRAVI, IN EUROPA NON SI E’ ANCORA VERIFICATA LA TRASMISSIONE DI QUESTA MALATTIA, MA IL RISCHIO CHE CIO’ AVVENGA E’ REALE DOVE E’ PRESENTE LA ZANZARA TIGRE.

EVITIAMO I RISTAGNI D’ACQUA E USIAMO I PRODOTTI LARVICIDI

La zanzara tigre depone le uova in contenitori in cui è presente acqua stagnante. Al momento della schiusa delle uova, l’insetto ha bisogno di pochissima acqua per la trasformazione in adulto. Un sottovaso, un tombino, un secchio… sono tutti luoghi ideali per lo sviluppo delle larve di zanzara.
Evitiamo per questo ogni ristagno d’acqua.

ECCO ALCUNI CONSIGLI PER EVITARE I RISTAGNI D’ACQUA

Che si tratti di abitazioni con balconi, cortili o giardini (ma possiamo fare prevenzione anche negli orti, nei cimiteri, nei parchi) ecco qualche consiglio per evitare il proliferare della zanzara tigre:

  • eliminiamo i sottovasi e se non possiamo toglierli , evitiamo il ristagno d’acqua,
  • puliamo accuratamente i tombini e le zone di scolo,
  • non lasciamo gli annaffiatoi e i secchi con l’apertura rivolta verso l’alto,
  • controlliamo periodicamente le grondaie mantenedole libere e pulite,
  • teniamo pulite fontane e vasche ornamentali, eventualmente introducendo pesci rossi (predatori delle larve di zanzare tigre),
  • svuotiamo frequentemente gli abbeveratoi e e ciotole d’acqua per gli animali domestici,
  • non lasciamo le piscine gonfiabili e altri giochi in giardino per evitare che si riempiano di acqua piovana.
  • copriamo le cisterne e tutti i contenitori utilizzati per la raccolta dell’acqua piovana,
  • nei cimiteri puliamo periodicamente e con cura i vasi portafiori, cambiamo frequentemente l’acqua dei vasi o trattiamola con prodotti larvicidi; se usiamo fiori sintetici mettiamo sul fondo del vaso sabbia per evitare ristagni accidentali di acqua.

USIAMO PERIODICAMENTE I PRODOTTI LARVICIDI

Quando non è possibile evitare ristagni, come nei pozzetti stradali, nelle cadatoie e nei grigliati per la raccolta dell’acqua piovana, nei tombini, dobbiamo ricordare di usare prodotti larvicidi (in commercio si trovano sotto forma liquida, in pastiglie o in granuli), questi devono esser utilizzati da aprile a ottobre con cadenza periodica, secondo le indicazioni riportate sulle confezioni. I prodotti larvicidi sono facilmente reperibili nei supermercati, nei negozi specializzati e nelle farmacie.

Tradizionalmente si sono usati fili di rame nei sottovasi come larvicida: non usiamo solo questo metodo poichè l’efficacia non è stata dimostrata.

PROTEGGIAMO NOI STESSI: EVITIAMO DI FARCI PUNGERE

  • Quando siamo all’aperto in zone ricche di vegetazione ricordiamo che le zanazre tigre è attrata dai colori scuri e dai profumi, evitiamo di lasciare parti del corpo scoperte e usiamo repellenti sulla pelle e sugli abiti (con cautela nei bambini e nelle donne incinte)
  • Usiamo spiralette ed altri diffusori di insetticidi negli ambienti chiusi.

Per utilizzare questi prodotti in modo sicuro è fondamentale rispettare dosi e modalità riportate nelle istruzioni in etichetta.

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
EMILIA-ROMAGNA

LOURMARIN - FRANCE.

Cliccare il link sotto.

ZANZARA TIGRE.

CHI E\’ LA ZANZARA TIGRE?

Lascia un commento

Archiviato in ZANZARA TIGRE.