Archivi categoria: SPALLA.

Biomeccanica della spalla e cuffia dei rotatori.
Due video: 1 – sull’articolazione della spalla,
2 – sul movimento della spalla.

BIOMECCANICA DELLA SPALLA E CUFFIA DEI ROTATORI.


Le ossa che costituiscono l’articolazione della spalla sono:

  1. il cingolo scapolare costituito della clavicula, la scapola e lo sterno.
  2. l’omero.

Il complesso articolare della spalla è costituito da 5 articolazioni, suddivisi in due sottogruppi:

  • formato dall’articolazione scapolo-omerale (o gleno-omerale) e dell’articolazione sottodeltoidea.
  • formato da 3 articolazioni, la scapolo-toracica (o omo-toracica), che è la più importante del gruppo ma funziona solo insieme alle altre due, l’acromion-claveare e la sterno-costo-clavicolare (mette in contatto la clavicola, la prima cartilagine costale e il manubrio dello sterno).

ANATOMIA DELLA SPALLA.

Cuffia dei rotatori:

La cuffia dei rotatori ha importanza clinica in quanto la degenerazione e la conseguente lesione (rottura) del suo tendine di inserzione è un fenomeno patologico abbastanza comune che provoca una limitazione dei movimenti della spalla specialmente in abduzione.
La cuffia è formata da 4 muscoli di cui 3 sono palpabili alla loro inserzione sulla grande tuberosità dell’omero. Questi 3 muscoli sono: SSR – S

  • il sopraspinato: prende origine sulla fossa sopraspinata della scapola, decorre sopra la capsula articolare, alla quale aderisce e giunge alla faccia supeiore del tubercolo maggirore dell’omero. Contribuisce a vincolare l’omero alla spalla – abduzione del braccio.
  • il sottospinato: prende origine della fossa sottospinata della spina scapolare → si inserisce sul tubercolo maggiore dell’omero (faccetta media) – rinforza la capsula dell’articolazione scapolo-omerale: rotazione esterna del braccio.
  • il piccolo rotondo: si trova sul margine laterale della scapola sopra l’origine del m. grande rotondo → si inserisce sulla faccetta inferiore del tubercolo maggiore – debole extrarotatore.

Possono essere a scopo mnemonico ricordati con la sigla SSR dalle loro iniziali. Infatti, nell’ordine di inserzione sulla grande tuberosità abbiamo il sopraspinato, il sottospinato ed il piccolo rotondo.
Ad arto pendente a lato del tronco:

  • il sopraspinato giace immediatamente sotto l’acromion,
  • il sottospinato è posto in un piano posteriore rispetto al sopraspinato,
  • ed il piccolo rotondo è subito posteriore agli altri due muscoli.

Il quarto muscolo della cuffia dei rotatori è il sottoscapolare : esso è posto a differenza degli altri anteriormente e non è palpabile: origina dalla faccia sottoscapolare → si inserisce sul tubercolo minore dell’omero – rotazione interna.

Poichè la cuffia è posta direttamente sotto l’acromion per poterla palpare essa deve essere fatta ruotare in basso al di fuori di esso. L’estensione passiva della spalla porta la cuffia dei rotatori in una posizione che ne permette la palpazione. Per far questo, afferrare il braccio del paziente subito sopra il gomito e sollevate il gomito posteriormente.

Palpate allora la rotondità della cuffia appena inferiormente al bordo anteriore dell’acromion. I 3 muscoli palpabili della cuffia (SSR) non possono essere distinti l’uno dell’altro ma vengono palpati come un tendine unico vicino alla loro inserzione sulla grande tuberosità dell’omero.
Ogni dolore risvegliato durante la palpazione può essere dovuto ad una rottura o ad uno strappo o al distacco del tendine della sua inserzione sulla grande tuberosità.
Dei muscoli della cuffia il più frequentemente leso è il sopraspinato specialmente vicino alla sua inserzione.

La sindrome da conflitto sotto-acromiale coracoideo

L’estremità superiore dell’omero, ricoperta dai tendini terminali della cuffia dei rotatori, è protetta da una volta costituita dall’indietro in avanti:

  • dall’acromion,
  • dall’articolazione acromion-claveare,
  • dal legamento acromion-coracoideo,
  • e dall’apofisi del coracoide.

Lo spazio che tappezza questa volta è occupato non soltanto dalla cuffia, ma anche da due borse sierose che assicurano un armonioso scorrimento:

  • in alto la borsa sierosa sotto-acromion-deltoidea,
  • e davanti la bosra sierosa sotto-coracoidea.

Nel corso del movimento d’elevazione del braccio, l’impegno della tuberosità omerale, del trochite e del trochine, può essere fonte di conflitto con due localizzazioni preferenziali.

PARIS.

L’exitence d’un conflit sous-acromiale-coracoidien résulte de l’intrication de 7 facteurs plus ou moins associés:

  1. insuffisance de la coiffe des rotateurs qui n’assure plus un rôle essentiel de recentrage et de coaptation de la tête humérale dans la glène. La composante d’ascension da la tête humérale sous l’action du deltoïde n’étant plus contre-balancée par l’action de la coiffe. Les lésions de la coiffe siègent à la face profonde des tendons, par un mécanisme traumatique de dedans en dehors. Ce mécanisme est le plus fréquent chez le sportif jeune,
  2. atteinte dégénérative des tendons de la coiffe des rotateurs liée à une surutilisation mécanique associé à una mauvaise vascularisation: la vascularisation s’arrête à environ 1 cm de elurs insertions, et i existe en outre une zone avasculaire entre le sus-épineux et le sous-scapulaire (interval rotator cuff). Ce mécanisme interesse le sportif de 35 à 40 ans est responsable de lésions intra-tendineuses,
  3. limitations articulaires de l’unité omo-claviculaire ou du tronc: toute patologie limitant les mouvements de l’unité omo-claviculaire (arthropathie acromio-claviculaire ou paralysie du gran dentelé par exemple) favorise l’impactation des tuberosités humérales contre la voûte et l’apparition de conflits. Il en est de même d’une limitation du rachis en extension-inclination-rotation, mouvements qui participent physiologicment à la flexion-abduction-rotation externe du bras,
  4. anomalies du “plancher” huméral: fracture du trochiter avec calvicieux ou fragment osseux ascensionné,
  5. pathologies des espaces de glissement: calcification des tendons de la coiffe, bursite aiguë ou subaiguë inflammatoire, avec ou non présence de calcifications,
  6. anomalies de la voûte: épaississement fibreux du ligament acromio-coracoïdien, ostéophytose acromio-claviculaire, apophyse coracoïde troplongue ou trop oblique en dehors. Les lésions de la coiffe siègent à la face superficielle des tendons, par un mécanisme d’abrasion de dehors en dedans. Ce mécanisme est le plus fréquent chez le sportif vétéran,
  7. surutilisation de mouvement en élavation-rotation interne: trois mouvements principaux, correspondant à des gestes fonctionnels situés dans l’epace de capture, sont par ordre de fréquence responsables de conflits au cours de la pratique sportive.
  • le mouvement d’élévation antéro-laterale en rotation interne est très fréquement rencontré dans les activités sportives: service ou volée au tennis, départ de swing au golf, frappe de balle au volley, lancer de poids, etc.

Ce mouvement d’élévation antéro-interne associant flexion-abduction-rotation interne, oppose le pôle superieure du trochiter (grande tubersoità omerale o trochite), ou s’insère le sus-épineux au bec acromial, au bord inféro-externe du ligament acromio-coracoïdien et plus profondément à la face inférieure de l’articulation acromio-claviculaire et comprime la partie antéro-externe de la bourse séreuse sous-acromiale.

Ce conflit est à l’origine d’une épaule douloureuse par conflit antéro-supérieure (EDCAS) ou sub-acormial impingement décrit par Codman, Neer et Walsh, faisant apparaître une bursite de la bourse séreuse sous-acromiale, une tendinite ou une rupture du sus-épineux plus ou moins associé à une atteinte du sous-épineux et de la longue portion du biceps.

EDCAS = épaule douloureuse par conflit antéro-superieure ou impingement syndrome = le mouvement d’élévation antéro-latérale, associant flexion + abduction + rotation interne = tendinite ou rupture du sus-épineux plus ou moins associée à une atteinte de sous-épineux et de la longue portion di biceps.

  • Le mouvement d’élévation antéro-interne ou d’addcution horizontale en rotation interne est l’apanage des coureurs automobiles (driver’s position des auteurs anglo-saxons) mais aussi retrouver au tennis (à la fin d’un coup droit lifté ou au début d’un revers), au golf, chez le rameur ou le discobole, etc.

Ce mouvement d’élévation antéro-interne, associant flexion-adduction-rotation interne, oppose le trochin et le sous-scapulaire au bord externe du segment horizontal de l’apophyse coracoïde et comprime la bourse séreuse sous-coracoïdienne.
Ce conflit, responsable d’une épaule douloureuse par conflit antéro-interne (EDCAI) décrite par Goldthwait, Meyer, Gosset et Dautry, Patte et Greber, est à l’origine d’une boursite sous-coracoïdienne, d’une tendinite ou d’une rupture du sous-scapulaire voire de la longue portion du biceps.

EDCAI = épaule douloureuse par conflit antéro-interne = élévation antéro-interne, asscoiant flexion + adduction + rotation interne – muscule sous-scapulaire.

  • le mouvement d’élévation postéro-externe en rotation interne est retrouvé lors de la pratique du crawl, du kayak, des agrès (anneaux, barre fixe) ou le revers (pelote).

Ce mouvement d’élévation postéro-externe, associant flexion-abduction-rotation interne oppose les versants moyen et inférieur  du trochiter sur lesquels s’insèrent le sous-épineux et le petit rond à la face inférieure de l’angle postérieure de l’acromion et comprime la partie postérieure de la bourse sous-acromiale.

Ce conflit responsable d’une épaule douloureuse par conflit postéro-supérieur  (EDCPS), peut se déboucher sur une bursite sous-acromiale, une tendinite ou une rupture du sous-épineux et du petite rond.

EDCPS = épaule douloureuse par conflit postéro-supérieure = élévation postéro-externe, associant extension + abduction + rotation interne – muscle sous-épineux et petit rond.

Quindi, abbiamo 3 tipi di conflitto:

  1. spalla dolorosa da conflitto antero-superiore o sub-acromial impingement da Codman, Neer e Walsh: è quello di maggior riscontro.
    • elevazione antero-laterale assciato alla flessione + abduzione e rotazione interna – muscoli interessati: sopraspinoso più o meno ad una tendinite o rottura del tendine del sottospinoso e il capo lungo del bicipite.
  2. spalla dolorsa da conflitto antero-interno:
    • elevazione antero-interna, associato alla flessione + adduzione e rotazione interna – muscolo interessato: sottospinoso e piccolo rotondo.
  3. spalla dolorosa da conflitto postero-esterno:
    • elevazione postero-esterna, associato all’estensione + abduzione e rotazione interna – muscolo sottospinoso e il piccolo rotondo.

Diagnostic des tendinitee d’épaule:

Cliccare il link sotto:

DIAGNOSTIC DES TENDINITES DE L\’E\’PAULE.

Come si verifica un conflitto?

Il conflitto si produce in una posizione di impegno, ossia quando il braccio è in abduzione a 90°, di solito è il movimento di rotazione interna che scatena il conflitto, perchè si va ad aggiungersi CONTINUA…..

3 commenti

Archiviato in SPALLA.

CUFFIA DEI ROTATORI.


Cliccare il link sotto per leggere l’articolo.
CUFFIA DEI ROTATORI.

Per poter fare diagnosi di tendinite, bisogna trovare la seguente triade sintomatologica (questo è valido per tutte le tendiniti, ovunque essi siano localizzati):

  1. DOLORE ALLO STIRAMENTO PASSIVO DEL MUSCOLO
  2. DOLORE ALLA CONTRAZIONE CONTRARIATA.
  3. DOLORE ALLA PALPAZIONE DEL TENDINE

Da un punto di vista semeiologico, questi dolori non sono solo di origine meccanica, ma anche infiammatoria: questo spiega il risveglio notturono dei pazienti e la loro difficoltà di trovare una posizione che porta sollievo (antalgica) durante la notte.

Nell’articolo sotto, è spiegato come fare diagnosi per ordine di frequenza al: sopraspinato, sottospinato e piccolo rotondo, bicipite, sottoscapulare e gran pettorale.

Cliccare sotto per leggere l’articolo.
DIAGNOSTIC DES TENDINITES D\’EPAULE.

Moustiers-Sainte-Marie.

CUFFIA DEI ROTATORI

La cuffia dei rotatori ha importanza clinica in quanto la degenerazione o la conseguente lesione (rottura) del suo tendine di inserzione è un fenomeno patologico abbastanza comune che provoca una limitazione dei movimenti della spalla specialmente in abduzione.

La cuffia è formata da 4 muscoli di cui 3 sono palpabili alla loro inserzione sulla grande tuberosità dell’omero.
Questi 3 muscoli sono (SSR): il sopraspinato, il sottospinato ed il piccolo rotondo.
Nell’ordine di inserzione sulla grande tuberosità abbiamo il sopraspinato, il sottospinato ed il piccolo rotondo.
In una diversa posizione anatomica (ad arto pendente a lato del tronco):
Il sopraspinato giace immediatamente sotto l’acromion,
Il sottospinato è posto in un piano posteriore rispetto al sopraspinato,
ed il piccolo rotondo è subito posteriore agli altri 2 muscoli.

IL quartto muscolo: esso è posto a differenza degli altri anteriormente e non è palpabile.

Poichè la cuffia è posta direttamente sotto l’acromion per poterla palpare essa deve essere fatta ruotare in basso al di fuori di esso. L’estensione passiva della spalla porta la cuffia in una posizione che ne permette la palpazione.
Per fare questo afferrate il braccio del paziente subito sopra il gomito e sollevate il gomito posteriormente.
Palpare allora la rotondità della cuffia appena inferiormente al bordo anteriore dell’acromion. I tre muscoli palpabili  della cuffia (SSR) non possono essere distinti l’uno dall’altro ma vengono palpati come un tendine unico vicino alla loro inserzione sulla grande tuberosità dell’omero.
Ogni dolore risvegliato durante la palpazione può essere dovuto o al distacco del tendine dalla sua inserzione sulla grande tuberosità. Dei muscoli della cuffia il più frequentemente leso è il sopraspinato vicino alla sua inserzione.

Les Baux-de-Provence.

Cliccare sotto per vedere il video.
PERIARTHRITE DE L\’EPAULE.

Cliccare il link sotto (in lingua italiana): sono due video sulla anatomia della spalla e i movimenti della spalla.
Anatomia della spalla e i movimenti della spalla.

Lascia un commento

Archiviato in SPALLA.

L’ARTICOLAZIONE DELLA SPALLA.


1 Commento

Archiviato in SPALLA.