Archivi categoria: EIACULAZIONE PRECOCE.

Dapoxetina: eiaculazione precoce.

DAPOXETINA: EIACULAZIONE PRECOCE.


Meglio consulatre prima un andrologo o un psicoterapeuta per eventuale terapia breve di tipo cognitivo-comportamentale, anzichè ricorrere subito ad un psicofarmaco?

Cliccare sotto per leggere l’articolo. Dapoxetina: nuovo farmaco nel trattamento dell\’eiaculazione precoce?

Hotel Le Clos des Iris - Moustiers Sainte Marie.

La dapoxetina è in vendita anche in Italia, a partire da luglio 2009, sotto il nome comerciale di Priligy. La dapoxetina (Priligy) è una molecola che appartiene alla classe SSRI: farmaci utilizzati come antidepressivi. Come tutti gli antidepressivi della casse SSRI, agisce inibendo la ricaptazione (ossia il riassorbimento, la raccolta) del neurotrasmettitore serotonina a livello del sistema nervoso centrale. L’EMEA ha dato l’autorizzazione all’immisione in commercio con indicazione: trattamento dell’eiaculaizone precoce (EP) per uomini dai 18 ai 64 anni. La dapoxetina è il primo farmaco assunto per via orale, per il trattamento dell’eiculazione precoce (EP). A differenza delle altre sostanze facenti parte della classe degli SSRI ha una breve durata d’azione (poche ore) e deve essere assunta da 1 a 3 ore prima del rapporto, idealmente circa 1-1.5 ore prima del rapporto. priligy può essere assunto a stomaco pieno e non si conoscono interazioni con i farmaci utilizzati per la disfunzione erettile (Viagra, Cialis, Levitra, ….). Il farmaco a totale carico del paziente, si può acquistare dietro presentazione di ricetta medica ripetibile. Le compresse devono essere deglutite intere, per evitare il sapore amaro, con almeno 1 bicchiere pieno d’acqua; non deve essere assunto più di 1 volta ogni 24 ore (1 volta al giorno). Il farmaco è emesso in commercio in due formulazioni:

  • Priligy 3 compresse 30 mg,
  • Priligy 3 compresse 60 mg.

Di norma la dose iniziale è di 30 mg, in caso non si dimostrasse sufficiente e gli eventi avversi fossero accettabili il medico può aumentare la dose prescrivendo la confezione da 60 mg. I più comuni effetti collaterali di Priligy sono:

  • Capogiri,
  • cefalea,
  • nausea.

Per diminuire la probabilità di comparsa degli effetti avversi, soprattutto di svenimento ed ipotensione (abbassamento della pressione) si consiglia di:

  • Assumere la compressa con almeno 1 bicchiere colmo d’acqua,
  • non alzarsi velocemente dopo l’assunzione,
  • in caso di sensazione di svenimento o giramenti di testa è bene sdraiarsi immediatamente con la testa più in basso del corpo, o sedersi con la testa tra le ginocchia, fino al miglioramento dei sintomi.

E’ importante, di evitare la contemporanea assunzione di alcolici, che potrebbero aumentare il rischio di svenimento ed altri effetti collaterali legati all’alcool. Secondo l’azienda produttrice Priligy è in grado di:

  • migliorare la capacità di controllo sull’eiaculaizone,
  • prolungare il tempo dell’eiaculazione,
  • aumentare la soddisfazione del rapporto sessuale,
  • diminuire il disagio legato all’eiaculaizone precoce.

Ogni altro farmaco appartenente alla stessa classe di farmaci è in grado di sviluppare una più o meno marcata attività di ritardo dell’eiaculazione, ma si portano dietro diversi potenziali effetti collaterali.

  • Tra gli effetti collaterali più frequenti, si può leggere disfunzione erettile, anorgasmia e diminuizione del desiderio sessuale.
  • in pazienti con particolari vicende di depressione può indurre al suicidio nelle prime settimane di assunzione,
  • l’elenco degli effetti collaterali, anche gravi, potrebbe continuare.

In realtà, questi aspetti sembrerebbero scongiurati dal fatto che Priligy prevede un’assunzione saltuaria e, soprattutto la breve durata d’azione è indice del fatto che la sostanza viene velocemente eliminata dall’organismo evitando fenomeni di accumulo responsabile di alcuni effetti collaterali. L’evento avverso più frequente che emerge da chi si è sottoposto alla sperimentazione è invece come detto la nausea.

Cimitero di Montmartre - Parigi.

Lascia un commento

Archiviato in EIACULAZIONE PRECOCE.