Archivi categoria: CALDO

Come difendersi del caldo.

COME DIFENDERSI DEL CALDO.


ATTENTI AL CALDO!

Il caldo causa problemi alla salute nel momento in cui altera il sistema di regolazione della temperatura corporea. Normalmente, il corpo si raffredda sudando, ma in certe condizioni ambientali questo meccanismo non è sufficiente. La capacità di termoregolazione di un individuo è fortemente condizionata da diversi fattori come l’età, uno stato di malattia, la presenza di alcune patologie croniche, l’assunzione di alcuni farmaci, l’uso di droghe e alcool.

GLI ANZIANI E IL CALDO

Il caldo intenso si ripercuote sul nostro benessere, sulla qualità del sonno, sulle performance fisiche e sulla psiche. Le persone anziane hanno in generale una cattiva termoregolazione: sudano meno e sentono meno il bisogno di bere. A causa dell’età, inoltre, la loro autonomia e la loro   capacità di reagire in modo adeguato a particolari circostanze e pericoli possono risulatre limitate, se non addiritura impossibile. Gli anziani e anche coloro che necessitano di assistenza sono pertanto i gruppi più a rischio della popolazione.
Nella torrida estate del 2003 il tasso di mortalità delle persone anziane ha subìto una forte impennata. In Francia oltre il 60% dei casi di decessso è stato registrato negli ospedali e nelle case di riposo. E’ pertanto estremamente importante che il personale di assistenza e i familiari siano consapevoli del rischio che corrono gli anziani e adottino i provvedimenti necessari per aiutarli.

NORME DI COMPORTAMENTO

  • Evitare di uscire e di svolgere attività fisica nelle ore più calde del giorno,
  • aprire le finestre dell’abitazione al mattino e abbassare le tapparelle,
  • coprirsi quando si passa da un ambiente molto caldo a uno con aria condizionata,
  • indossare indumenti chiari, non aderenti, di fibre naturali; evitare le fibre sintetiche,
  • in caso di mal di testa provocata da un colpo di sole, bagnarsi con acqua fresca, per abbassare la temperatura corporea,
  • consultare il medico se si soffre di pressione alta,
  • non assumere integratori salini senza consultare il medico curante,
  • bere spesso, almeno 2 litri di acqua al giorno,
  • evitare le bevande alcooliche, gassate o troppo fredde e il caffè che, aumentando la sudorazione e la sensazione di calore, contribuiscono ad aggravare la disidratazione,
  • mangiare leggero, con pasti piccoli e frequenti (meglio il pesce della carne), e conservare correttamente gli alimenti deperibili.
  • mangiare verdura e frutta fresca,
  • si ai gelati, ma preferire quelli al gusto di frutta,
  • evitare cibi elaborati e piccanti.
Reggio-Emilia, Autosatrada del sole- A1.

Reggio-Emilia, Autosatrada del sole- A1.

MALATTIE E DECESSI DOVUTI AL CALDO

Se il sistema di termoregolazione del corpo non funziona correttamente, a causa dell’eccessiva temperatura ambientale le persone, indipendentemente dalla loro età si ammalano. Il cuore, la circolazione sanguigna ed il bilancio idrico ne risentono; soprattutto nelle persone anziane, nelle quali aumentano la pressione sanguigna, il battito cardiaco e la frequenza respiratoria. Le conseguenze di un malfunzionamento della termoregolazione sono: disidratazione, ipertermia, spossatezza, svenimenti, crampi e colpi di calore. Sono quindi gli anziani il gruppo della popolazione più colpite dalle ondate di caldo.
La maggiore parte dei casi di dcesso imputabili al caldo è dovuta a malattie cadiovascolare, respiratorie e dei vasi sanguini del cervello.

ATTENZIONE A NON SOTTOVALUTARE I RISCHI

Per poter superare senza problemi le ondate di caldo occorre conoscerne i rischi per la salute e adottare le misure giuste. Persone già deboli, ammalate o disabili, persone che vivono da sole e sono isolate, persone psicologicamente labili e che assumono calmanti non sono spesso in grado di reagire in modo adeguato ai segnali del cosiddetto stress da calore. Ciò vale in particolare per gli anziani, che sovente non sono in grado di reagire di prorpia iniziativa a temperature eccessive o che non si rendono conto del rischio di disidratazione che corrono a causa della loro ridotta sensazione di sete. Spetta dunque ai familiari, al personale di assistenza e ai medici intervenire per salvaguardare la salute e la vita degli anziani, sia che si trovino negli ospedali, nelle case di cura o a casa propria.

FATTORI PREDISPONENTI

Vi è tutta una serie di fattori che ci espone maggiormente ai rischi sanitari derivanti dalle ondate di caldo. Insufficiente attività fisica, sovrappeso, mancanza di sonno, scorretta alimentazione, scarsa idratazione, diarrea o abuso di bevande alcoliche aumentano le nostre probabilità di ammalarci a causa del caldo. Inoltre, spesso gli anziani sono già affetti da patologie e assumono farmaci che possono compromettere l’equilibrio fisiologico. I diuretici, ad esempio, possono acuire il rischio di disidratazione, altre medicine poi influiscono sulla termoregolazione del corpo.

HOTEL CLOS DES IRIS – MOUSTIERS SAINTE MARIE.

 

 

Lascia un commento

Archiviato in CALDO