I PIDOCCHI DELLA TESTA.


Cose fondamentali da sapere su pidocchi della testa.

  • Qualsiasi bambino in età scolare può avere i pidocchi.
  • Il bambino può riprendere la scuola dopo che ha iniziato un trattamento efficace, infatti la trasmissione agli altri bambini non avviene se il trattamento è incominciato.
  • Avvisare la scuola, è probabile che altri bambini nella scuola abbiano i pidocchi.
  • I pidocchi non hanno le ali, quindi non possono volare: essi si spostano da un capello all’altro, ma non possono saltare: i pidocchi camminano, non volano e non saltano. Tuttavia cadono spesso della testa di un bambino ed è anche così che passano da una persona all’altra; si muovono velocissimamente e per questo si vedono con estrema difficoltà.
  • Si diffondono da una persona all’altra mediante contatto diretto testa a testa.
  • Possono vivere solo sulla testa delle persone. I pidocchi devono nutrirsi ogni 6 ore, altrimenti muoiono per disidratazione.
  • La femmina depone 5-12 uova/die (più di 300 nell’arco della vita). Le uova rimangono attaccate tenacemente al capello. Le uova sono chiamate anche lendini.
  • Le uova hanno bisogno del calore e dell’umidità del cuoio capelluto e perciò sono vitali solo se trovate entro 1.5 cm della radice del capello.
  • Le uova che si trovano oltre 1.5 cm della radice del capello non sono vitali e non hanno bisogno di trattamento.
  • Sul cuoio capelluto possono trovare contemporaneamente pidocchi adulti, giovani e uova.
  • Chiunque può avere i pidocchi: non hanno preferenze per colore dei capelli, età o gruppo etnico delle persone; anche il grado di pulizia dei capelli non ha influenza sulla persona o meno dei pidocchi: la presenza dei pidocchi sulla testa non è indice di scarsa pulizia delle persone.
  • Solo gli insetti (adulti e giovani) possono muoversi da una testa all’altra. Le uova non si diffondono (anche se possono essere la spia della presenza di insetti).
  • La forfora può essere scambiata per uova.
  • I pidocchi della testa sono un fastidio, ma non causano malattie.
  • Oltre che sulla testa, hanno preferenza per le zone più calde del capo: dietro le orecchie e sulla nuca. In queste zone le femmine preferiscono deporre le loro uova, in modo che si schiudano meglio, raramente si trovano su ciglia, sopracciglia o altrove.

Sintomi

  • Sensazione di movimento nei capelli.
  • Prurito.
  • Irritabilità del bambino, sonno inquieto.
  • Il cuscino può essere sporco di una polverina nerastra: sono le feci dei pidocchi che sono nere perchè contengono ematina, un derivato della emoglobina.

Come cercare i pidocchi

I pidocchi vanno cercati con molta attenzione, aiutandosi con l’apposita pettinina. L’uso combinato del balsamo per capelli e della pettinina rappresenta il metodo più efficace per cercare i pidocchi della testa.

Trattamento della persona con pidocchi

I bambini sotto i 2 anni è meglio che non siano trattati con i farmaci antiparassitari.
Per loro e per le mamme in attesa si utilizzano solo i trattamenti meccanici e a base di oli vegetali: aceto di vino, pettine a denti fitti, oppure il cofanetto Pidok (vedi sotto). Non sono efficaci come i trattamenti antiparassitari e debbono essere ripetuti molto di frequente.

  • Applicare il prodotto secondo le istruzioni dell’etichetta, se il bambino ha capelli lunghi (oltre le spalle) potreste dover usare una seconda confezione.
  • Fare attenzione alle istruzioni, sul tempo di applicazione e alla raccomandazione o meno di spazzolare i capelli dopo il trattamento.
  • Può essere utile l’uso della cuffia da doccia: aiuta a tenere raccolti i capelli lunghi, a non colare il prodotto negli occhi, protegge da sfregamenti e gocciolii, ciò aiuta il bambino a sopportare il trattamento senza spazientirsi, tanto da mantenere l’applicazione per un periodo sufficientemente lungo per penetrare le lendini.
  • Rimuovere manualmente tutte le lendini rimaste, con l’ausilio del pettinino a dneti fitti.
    sulle confezioni di alcuni prodotti trovate scritto che il prodotto uccide le lendini e pertanto non bisogna preoccuparsi di togliere quelle rimaste sui capelli: questo non è esatto. Le lendini sono molto resistenti e le larve all’interno potrebbero essere ancora vive: dovete rimuovere tutte quelle che trovate, qualunque cosa dica il bugiardino del prodotto.
  • Se dopo 8-12 ore i sintomi persistono, il trattamento potrebbe non aver funzionato; consultare il proprio medico per trattamenti differenti.
  • Non lavare i capelli per uno o due giorni dopo il trattamento.

QUAI D’ORSAY-SEPTEMBRE 2012.

Perchè un trattamento potrebbe non funzionare

Non si eseguono le istruzioni correttamente:

  • Bagnare i capelli prima di applicare il trattamento: diluisce la medicina
  • Il trattamento viene lasciato agire troppo poco tempo.
  • Shampoo dopo il trattamento: non lavare i capelli per 1-2 giorni.
  • Quantità inadeguata: capelli più lunghi richiedono quantità più elevate.
  • Nessun uso del pettine: usare pettini a denti stretti aiuta significativamente a rimuovere le lendini.

Resistenza

  • Se il trattamento non uccide nessun insetto in 24 ore, la resistenza è probabile. In Italia la resistenza non è dimostrata, per ora lo è invece per esempio, in Galles.

Il trattamento uccide gli insetti ma non penetra le lendini

  • E’ difficile per i pesticidi penetrare nelle lendini, le medicine possono uccidere gli insetti vivi ma non le lendini che, sono dure e coriacee e ci vuole del tempo perchè il farmaco ne attraversi il guscio, applicazioni troppo brevi sono inefficaci sulle uova; l’espediente della cuffia da doccia sui capelli durante l’applicazione pare migliorare l’efficacia del prodotto sulle lendini.

uvduvu2vuv1

Alcuni preparati commerciali antipidocchi

Il malathion è un insetticida organofosforico; è il più efficace, ma ha odore assai sgradevole. ALle dosi utilizzate non dovrebbe avere effetti tossici.
Le piretrine, naturali o sintetiche sono meno tossiche del malathion, hanno un odore molto meno sgradevole, ma sono meno efficaci.

Il trattamento va eseguito se si trovano pidocchi e/o uova vitali; non eseguire trattamenti per prevenire i pidocchi.

PETTINI A DENTI FITTI
E’ usato per rimuovere lendini e pidocchi dai capelli, il pettinino a denti fitti è lo strumento più importante per controllare le teste di bambini e adulti e raddoppia la possibilità di trovare i pidocchi precocemente, cioè quando sono ancora pochi sulla testa.

AFTIR GEL
prodotto a base di malathion. Un tubo basta per due applicazioni su capelli corti. ha un odore molto sgradevole, ma è rapido e molto efficace.
Viene consigliato di eliminarlo dopo l’applicazione con AFTIR SHAMPOO  che faciliterebbe anche l’eliminazione delle lendini, ma comunque non sostituisce l’uso del pettinino a denti fitti.

MILICE schiuma termosensibile
Prodotto a base di una miscela di piretrine naturali: una bomboletta basta per 3 o 4 applicazioni su capelli corti. Ha il vantaggio di essere molto facile da usare, ma nella nostra esperienza è meglio prolungarne l’applicazione per almeno 40 minuti.

NIX crema liquida 1%
Prodotto a base di permetrina, una piretrina sintetica. Si trova in commercio con meno facilità, è forse leggermente meno efficace dei 2 precedenti, ma di odore meno sgradevole.
Nella confezione è contenuto un buon pettinino a denti fitti di plastica.

MOM shampoo principio attivo: Piretrina
Prodotto usato più frequentemente per i pidocchi del pube. Poco usato rispetto agli altri.

PIDOK: cofanetto
Cofanetto contenente un flacone da 150 ml di soluzione schiumogena, lente di ingrandimento, pettine di acciaio a denti lunghi e fitti. La lozione è a base di trietenolamina e di derivati della noce di cocco non meglio definiti. Si tratta sostanzialmente di un metodo meccanico, a bassa efficacia, che non uccide gli insetti, ma serve per levare i pidocchi e le lendini uno ad uno meccanicamente. E’ un metodo laborioso e da ripetere molto spesso, ma indicato solo per bambini piccolissimie per mamme in attesa che non possono usare gli altri prodotti.

MEDIKER shampoo: Piretrina

AFTIR gel: Malathion

bcwàov1covr

b1fovvr3à

bf133rvofgo

1 Commento

Archiviato in DERMATOLOGIA.

Una risposta a “I PIDOCCHI DELLA TESTA.

  1. Gentili lettori del Blog e
    L’articolo è molto chiaro in quanto a tipologia e natura del problema.
    Libera il campo dai dubbi su come si possa sviluppare il pidocchio stesso.
    Fra le varie modalità per debellarlo e per completezza di informazione
    va riportato che gli shampoo non sono l’unico strumento alla portata dei genitori
    per combattere questa situazione, anzi.
    Un sistema più naturale, non contenente assolutamente elementi chimici, permette
    con una sola seduta di circa mezz’ora, tre quarti d’ora, di risolvere il problema.
    Nella notizia del 7 maggio scorso, diffusa da adnkronos salute,
    che riporto integralmente, viene dettagliatamente descritto il problema,
    lo strumento utilizzato per risolverlo e viene indicata la ditta che per
    prima in Italia lo ha adottato e lo utilizza con regolarità.

    Milano, 7 mag. (Adnkronos Salute) – Dopo i ‘super batteri’ resistenti agli antibiotici,
    arrivano i ‘super pidocchi’ immuni ai tradizionali rimedi.
    A scovarli sono stati gli autori di uno studio pubblicato sul
    Journal of Medical Entomologia, rivista della Entomological Society
    of America, che dimostra come i pidocchi stiano diventando sempre
    più difficili da rimuovere, per colpa di un nuovo ceppo iper-resistente.
    Secondo la ricerca – condotta da John Clark, professore di tossicologia
    ambientale e chimica alla University of Massachusetts Amherst –
    i super pidocchi si diffondono molto più rapidamente di quanto si
    credesse all’inizio. Clark e colleghi hanno esaminato i geni dei pidocchi
    di 32 aree tra Usa e Canada. Hanno così osservato che il 99,6%
    di quelli testati tra il 2007 e il 2009 era geneticamente resistente
    ai trattamenti a base di piretrine e permetrina, principi attivi dei
    prodotti anti-pidocchio presenti oggi sul mercato. Fra i nuovi rimedi
    è in arrivo in Italia, da poco registrato presso il ministero della Salute,
    un dispositivo che promette di “uccidere i pidocchi dei capelli a ogni
    stadio, utilizzando unicamente aria riscaldata e controllata”.
    Riferisce una nota: “Uno studio su 56 bambini e adulti infestati dai pidocchi,
    pubblicato nel 2011 sul Journal of Medical Entomolgy, ha dimostrato come il 94,8%
    dei pidocchi e delle loro uova sia stato completamente debellato
    grazie al nuovo macchinario, chiamato Airallè, prodotto da Larada Sciences”.
    Il dispositivo è in vendita dal 2006 negli Stati Uniti ed è già
    provvisto di marchio CE.
    In Italia verrà adottato da Panda Srl, associata di Larada,
    che aprirà a Ostia il centro ‘Teste Felici’.

    E così è stato. il centro è aperto ed è a disposizione per risolvere
    il problema a tutti coloro che ne abbiano necessità.

    Panda Srl
    Teste Felici
    Via Francesco Grenet 5
    00121 Lido di Ostia – Roma (RM)
    tel.:065612794
    email pandasrls@gmail.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...