ELETTROFORESI DELLE PROTEINE PLASMATICHE.


PROTIDOGRAMMA O ELETTROFORESI

L’elettroforesi è un esame che viene eseguito per analizzare le proteine presenti nel plasma: dopo un prelievo venoso, il campione di plasma viene sottoposto ad una centrifuga che separa  la frazione contenente le cellule dalla parte liquida (siero); mediante tale metodica, le proteine sieriche sottoposte poi ad un campo elettrico costante, tendono a migrare verso il polo positivio con una differente velocità di migrazione (direttamente proporzionale alla carica elettrica ed inversamente proporzionale alla massa molecolare), dividendosi in bande o zone di migrazione.

Il protidogramma normale è formato da diversi picchi e curve: il primo più alto e stretto è quello dell’albumina, seguito da quello molto basso di alfa 1 globuline, e da quelli di alfa 2 globuline, al termine del grafico si avnno a posizionare le gamma globuline con una curva bassa e larga.

Aumenti o diminuizione in altezza o nel numero di tali picchi sono quindi da mettere in relazione all’aumento o alla diminuizione patologica o fisiologica delle proteine che li compongono. La concentrazione normale delle proteine plasmatiche totali è di 6-8 g/dl. Più proteine si trovano in una banda, più alto è il rispettivo picco; l’altezza corrisponde grosso modo alla quantità totatle di proteine appartenenti ad una categoria , ma se per esempio delle gamma globulina (immunoglobuline IgA, IgD, IgE, IgG e IgM) si vuole sapere la quantità di ognuna delle diverse classi, si dovrà ricorrere al dosaggio individuale.

Molte proteine vengono prodotte dal fegtao, altre sono rilasciate nel sangue dal sistema immunitario. Le protiene plasmatiche sono inidcatori molto importanti della funzionalità di molti organi in quanto le alterazioni delle loro quote possono rendere visibile un gran nuemro di patologie e controllare l’evoluzione di molteplici malattie. Per esempio, del fegato ch eproduce la maggior parte delle proteine; dei reni, in quanto in condizioni patologiche le protiene possono essere perse con le urine; del sistema immunitario (le gamma globuline possono essere diminuite nelle immunodeficienze o aumentate nel mieloma multiplo).

  • prima del prelievo è opportuno il digiuno a partire dalla sera prima (10-12 ore)
  • Si sconsiglia di sottoporsi all’esame se si è in trattamento antibiotico, perchè i risultati potrebbero essere alterati
  • anche l’aspirina e i corticosteroidi possono alterare il test.

LE PROTIENE PLASMATICHE

  • Albumina (3.6-4.9 g/dl) / 45.70%, se aumenta è sintomo di disidratazione: diarrea, vomito, eccessiva sudorazione.
    diminuisce in gravidanza, malattie renali ed epatiche, infiammazioni, alcoolismo, malassorbimento, digiuno prolungato e malnutrizione.
  • Alfa 1 globuline (0.2-0.4 g/dl) / 2-5%, se aumenta è sintomo di malattie infiammatorie croniche, malattie infettive.
  • Alfa 2 globuline (0.4-0.8) / 8-14%, se aumenta patologie renali, malattie infiammatorie croniche e acute, diabte, febbre reumatica e gravidanza.
  • beta globuline (0.6-1.0 g/dl) / 10-22%, se aumenta: anemia da carenza di ferro, ipercolesterolemia, gravidanza.
  • gamma globuline (0.9-1.4) / 11-22%, l’aumento può essere monoclonale e policlonale. Un picco monoclonale potrebbe rappresentare una gammapatia monoclonale e dare il sospetto della presenza di un mieloma multiplo. L’aumento policlonale è sintomo di malattie epatiche croniche, artrite reumatoide, lupus. se ddiminuisce: alcune malatie ereditarie del sistema immunitario.

Perchè viene eseguito il test?
Per aiutare nella diagnosi e nel monitoraggio del mieloma multiplo ed altre patologie che coinvolgono l’assorbimento, la produzione e la perdita delle proteine come si vede in alcune patologie d’organo gravi e negli stati nutrizionali alterati.

Quando viene eseguito?
Se si hanno livelli di proteine totali o di albumina o se il medico sospetta una patologia a carico dellaccumulo o della perdita attraverso le urine delle proteine nel sangue.

Quali campioni vengono richiesti?
Un campione ematico prelevato della vena brachiale; a volte si effettua su un campione urinario o su una raccolta delle 24 ore.

CONTINUA

Lascia un commento

Archiviato in ELETTROFORESI PROTEICA.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...