STORIA DEL SALE.


Il sale è un protagonista nella storia per una semplice ragione. Contribuisce a conservare gli alimenti. Quando i frigoriferi non esistevano l’unico modo per conservare carni e vegetali era immergerli letteralemente nel sale.
Per questo il sale, considerato “divino” già da Omero, era prezioso. I militari romani lo ricevevano come retribuzione (da qui il termine salario) e una delle maggiori via consolari che collegavano Roma ai centri di produzione era chiamata Salaria.

Il commercio mondiale del sale era fonte di guadagni per città (Salisburgo) e imperi (gli Asburgo fondarono il loro primato fra le famiglie principesche del centro Europa proprio sui dazi posti al commercio del sale). Tassare il sale è sempre stato un modo semplice e veloce per far pagare le tasse a tutti, una sorta di IVA.

MARTIGUES – FRANCE.

LE CAVE DI SALE DI HALLEIN

La visita a Salisburgo, città raffinata della musica, può trasformarsi in una gita a dir poco originale se all’atttività culturale e artistica si affianca la visita alle Cave di Sale di Hallein.

L’estrazione del salgemma in Austria ha una storia a dir poco millenaria, se è vero che all’interno della salina di Hallein, adesso chiusa e adibita ad attrazione turistica, sono stati trovati strumenti di estrazione e resti umani risalenti al periodo celtico. Il nome stesso del luogo, pare derivi dalla parola sale, in celtico: hall o hal.

All’estrazione del salgemma si deve la ricchezza economica, artistica e architettonica della città di Salisburgo, per cui una visita alle miniere, rappresenta anche un modo per dare una sbirciatina al “dierto le quinte dell’economia cittadina”.
La visita alle saline di Hallein è consigliata sia d’estate che di inverno, rappresentando un’esperienza unica nel suo genere: il turista ha la possibilità di percorrere le stesse gallerie utilizzate dai minatori e di assistere ad uno spettacolo naturale unico nel suo genere.

Il percorso si dipana per gallerie piuttosto ampie, per cui gli ambienti non sono mai eccessivamente claustrofobici, e ricordano piuttosto le escursioni alle grotte calcaree.

HALLEIN

E’ la seconda città per grandezza del Salisburghese e si trova a circa 15 km a sud della città di Mozart.  Hallein è conosciuta soprattutto per i suoi vicoli medievali ed il museo celtico che custodisce reperti unici in tutto il mondo del periodo degli insediamenti celtici. 800 metri sopra Hallein troverete il luogo di pellegrinaggio Bad Dümberg con le miniere di sale.

Il viaggio all’interno del mondo del sale di Bad Dümberg inizia con la distribuzione delle tute dei minatori. Vestiti completamente in bianco, verrete portati a bordo di un piccolo treno nelle viscere delle miniere di sale; utilizzando gli scivoli creati dagli stessi minatori, raggiungendo livelli sempre più profondi. Una guida vi racconterà la storia del sale e della miniera di Dümberg; su una zattera attraverserete il famosissimo lago di sale, accompagnati da musica mistica. Informazioni multimediali completano la visita. Una volta usciti dalla miniera, potrete entrare con lo stesso biglietto nel paesino celtico, dove imparerete qualcosa sulla vita dei Celti sul monte Dümberg. Il biglietto è inoltre valido anche per il museo celtico a Hallein.

Lascia un commento

Archiviato in GERMANIA-AUSTRIA.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...