Archivi tag: certificato INPS

PRECISAZIONE SUL CORETTO RILASCIO DEI CERTIFICATI MEDICI DI MALATTIA.


CERTIFICATI DI MALATTIA ONLINE.

Il decreto ministeriale e le successive circoalri applicative relative alla trasmissione telematica dei certificati di malattia, contengono elementi di grande interesse per tutti i medici italiani.

  • Si ribadisce che, in presenza di difficoltà alla trasmissione del certificato online, tutti i medici, pubblici e privati possono continuare a certificare su carta la malattia dei lavoratori dipendenti.
  • Si conferma che la trasmissione dei certificati debba essere fatta da tutti i medici sia operanti in struttura pubblica che privata.
  • Si stabilisce che dopo 3 mesi dalla data del 18 marzo 2011, al termine del periodo transitorio previsto dalla circolare, i datori di lavoro non potranno più richiedere al dipendente la copia su carta del certificato telematico, ma dovranno prendere visione delle attestazioni di malttia dei propri dipendenti avvalendosi esclusivamente dei servizi messi a disposizione dall’INPS.

CERTIFICATO MEDICO

Il certificato medico di malattia deve essere richiesto al proprio Medico curante (non necessariamente individuabile, dell’art. 2 della legge n. 33/1980, nella figura del Medico di Medicina Generale “MMG”), ma estensibile a medici diversi da quelli di libera scelta) solo quando sia da lui visitato, e non può essere da quest’ultimo rilasciato per giustificare assenze per malattie constatate da altri medici o dipendenti da prestazioni eseguite da altri sanitari (Art. 45, comma 2, lettera h ed Art. 52, comma 2 e 3 dell’Accordo Colletivo Nazionale per la regolamentazione dei rapporti con i  MMG, reso esecutivo tramite intesa Conferenza Stato Regioni del 23 marzo 2005); poiché il MMG non è tenuto alla loro trascrizione, in tali circostanze, il certificato dovrà essere rilasciato dai seguenti operatori sanitari (Circolare INPS n. 99/96 del 13 maggio 1996):

  • Medico specialista ambulatoriale sia dei poliambulatori delle USL sia degli ambulatori ospedalieri, quando l’assistito si sia recato direttamente da questi medici o vi sia stato inviato da altri operatori sanitari,
  • Medico di pronto soccorso in caso di ricorso da parte dell’assistito a questa prestazione,
  • Medico dell’accettazione degli ospedali o delle case di cura private o accreditate, quando l’assistito si sia recato in tali strutture per essere ricoverato, sia in caso d’urgenza che in caso di ricovero ordinario,
  • Medico specialista convenzionato esterno, nel caso in cui l’assistito vi sia stato inviato da altri operatori sanitari.

Si ricorda che il medico certificatore, ritenuto dalla Giurisprudenza corrente, essere “Pubblico Ufficiale”, attesti una malattia inesistente od un falso aggravamento di una patologia, commette il reato di “Falso in atto pubblico” (Sentenza n. 352 del 18 marzo 1999 della V Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione) ed in concorso con il lavoratore suo assistito, anche il reato di “Truffa aggravata” (Art. 640, il comma C.P.) ai danni dell’Istituto Previdenziale e del datore di lavoro.

Le leggi n.33 del 29 febbraio 1980 e n. 155 del 23 aprile 1981 stabiliscono che i certificati medici d’assenza per malattia dei lavoratori che hanno diritto all’indennità economica di malattia da parte dell’INPS, sia che venga pagata direttamente dall’istituto Previdenziale , sia che venga anticipata dal  datore del lavoro, devono essere redatti in duplice copia sugli appositi modelli di cui al D. M. Sanità e Lavoro del 30 settembre 1991 e distribuiti dall’INPS,

  • con obbligo, da parte del lavoratore, di compilare con la massima precisione i campi a lui riservata, e di inviare il primo foglio, contenente la diagnosi alla sede INPS territorialmente compotente a mezzo raccomandata A.R. entro e non oltre il secondo giorno successivo a quello del rilascio da parte del Curante,
  • mentre la coppia priva della diagnosi, del timbro del medico, la cui firma dovrà essere ricavata a termini, al datore di lavoro;
  • eventuali certificati di prolungamento (ai fini delle prestazioni economiche di malattia si ha “ricaduta della malattia” allorché la stessa malattia o altra consequenziale avvenga entro 30 giorni dalla data di guarigione della precedente) o di guarigione da malattia (questi ultimi richiesti ai soli lavoratori agricoli) devono essere inviati, con le stesse modalità previste per il primo certificato.
  • Si ricorda infine, che i MMG non sono tenuti a barrare i dati relativi alla “ricaduta” ed al “codice nosologico” della malattia ma solamente quelli relativi alla sua “continuazione”.

I lavoratori che sono obbligati a spedire il certificato di malattia all’INPS appartengono alle seguenti categorie:

  • Operai dell’industria,
  • operai del commercio,
  • operai dell’artigianato,
  • operai dell’agricoltura,
  • lavoratori a domicilio,
  • lavoratori dello spettacolo con almeno 100 giornate di contributi dal 1° gennaio dell’anno precedente,
  • sacristi,
  • salariati del credito, assicurazioni, servizi tributari appaltati,
  • impiegati del commercio,
  • lavoratori delle precedenti categorie a tempo determinato disoccupati o sospesi da più di 60 giorni.

I lavoratori che invece, non hanno obbligo di spedire il certificato di malattia all’INPS, appartengono alle seguenti categorie:

  • Apprendisti,
  • domestici,
  • dipendenti da partiti politici ed associazione sindacali,
  • impiegati dipendenti da proprietari di stabili,
  • impiegati del credito, assicurazioni, servizi tributari appaltati,
  • impiegati dell’agricoltura,
  • impiegati dell’industria,
  • lavoratori autonomi,
  • portieri,
  • piazzisti,
  • commessi viaggiatori,
  • dipendenti della Pubblica Amministrazione (Ministeri, Scuole, Poste, ecc…) o degli Enti Locali (Comuni, Province, Regioni, ecc…)
  • lavoratori a tempo determinato delle precedenti categorie, disoccupati o sospesi da non più di 60 giorni.

Per tali lavoratori il certificato non può essere redatto sui moduli INPS ma deve essere rilasciato su carta intestata del Medico Curante, con timbro e firma, che dovrà indicare le generalità del paziente, la data di rilascio, i giorni di prognosi clinica, senza indicare la diagnosi della malattia che invece, dovrà essere esplicitata solo per i lavoratori dipendenti della Pubblica Amministrazione o degli Enti Locali, a norma dell’art. 30 del DPR 686/57.

Nonostante che nel Pubblico Impiego vi sia obbligo di diagnosi, come confermato da specifico parere emesso in argomento dal Consiglio di Stato nell’adunanza dell’11 novembre 1984, si ritiene che tale esposizione, attualmente contrasti con la tutela della riservatezza dei dati personali di cui al D. Lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy). Qualora non esista il libero ed esplicito consenso del paziente che richiede il certificato ad indicare sullo stesso la diagnosi, si possono prospettare due soluzioni:

  1. Il Medico rilascia due certificati, uno con diagnosi ed uno senza, lasciando al lavoratore la scelta di quale consegnare al datore di lavoro e quale riservare al Medico ispettivo.
  2. In ottemperanza alla determinazione del 13/02/98 prot. 1055 del Garante della Privacy, il Medico rilascia un solo certificato, nel quale, al posto della diagnosi appone la dicitura: “Omessa diagnosi per esplicita richiesta del paziente”, seguita dalla firma dello stesso paziente.

Gréoux-les-Bains, Provence-France: Avril 2010.

CASI PARTICOLARI

Irreperibilità del Medico curante: in alcune rare circostanze, ad esempio quando necessiti un intervento medico d’assoluta urgenza ed il MMG od uno dei medici sopra indicati, abilitati a rilasciare le relative certificazioni, non sia reperibile, il lavoratore potrà richiedere e produrre (all’INPS e/o al datore di lavoro) il certificato medico rilasciato, invece che sull’apposito modulario, su carta intestata di un Medico libero professionista interpellato per l’urgenza, a condizioni che tale attestazione contenga i requisiti sostanziali richiesti (intestazione, nominativo del lavoratore, data di rilascio, diagnosi, prognosi d’incapacità temporanea al lavoro, timbro e firma del medico). La circolare INPS n. 99/96 del 13 maggio 1996, stabilisce, inoltre che per una corretta erogazione dell’indennità di malattia, il lavoratore deve integrare tale certificazione con tutte le notizie abitualmente richieste nel certificato predisposto dall’INPS: generalità del lavoratore, codice fiscale, domicilio, reperibilità durante la malattia, datore di lavoro e suo indirizzo con codice INPS dell’azienda, ecc; per l’eventuale prosecuzione della malattia dovrà, ovviamente servire del proprio MMG o dei Medici abilitati a rilasciare tale certificazioni, ai quali dovrà, in ogni caso, essere prodotta una copia del primo certificato.

Lavoratori turnisti: qualora la malattia insorga poco prima di un turno serale, notturno o festivo, per cui il Medico curante non è più reperibile, atteso che i Medici preposti al servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) non hanno obbligo di certificazione, sarà necessario che il lavoratore ammalato, lasci la chiamata al proprio Medico curante prima delle ore 10.00 del mattino della giornata non festiva immediatamente successiva a quella d’inizio della malattia, per richiedere la relativa certificazione, poiché il Medico Curante può rilasciare il certificato di malattia solo dalla data in cui visti il lavoratore, limitandosi a recepire ed a trascivere quanto dichiarato dal lavoratore ammalato circa la data d’inizio della malattia (di norma, in tali circostanze, può essere indicato il giorno precedente), biffando la casella “turno” dell’apposito modulario.

FASCE ORARIE DI REPERIBILITA’

La legge n. 638 dell’11 novembre 1983 ha introdotto le fasce orarie di reperibilità che il D.M. Lavoro del 25 febbraio 1984, modificato dal successivo D.M. dell’8 gennaio 1985, ha determinato essere dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19 di tutti i giorni, compresi i sabati, le domeniche e gli altri giorni festivi; la legge, in tal caso, impone al lavoratore un onere di presenza nella propria abitazione od all’inizio di reperibiltà durante la malattia, indicato nel certificato medico, se diverso dal domicilio abituale. Qualora il lavoratore risulti assente alla visita di controllo, senza giustificato motivo, decade da qualsiasi trattamento economico, per l’intero periodo sino a 10 giorni, e per la metà, per l’ulteriore periodo di malattia. L’eventuale giustificazione dell’assenza alla visita medica di controllo dovrà, improrogabilmente, essere prodotta entro le ore 10 del mattino del giorno successivo ai preposti servizi di medicina legale della USL territorialmente competente. Va ricordato, infine, che una recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che il lavoratore che si assenta dal propio domicilio, per giustificato motivo, durante le fasce orarie di reperibilità, deve darne preventiva comunicazione al datore di lavoro.

PRECISAZIONI RIGUARDO ALLE PROBLEMATICHE CONNESSE CON LA CERTIFICAZIONE DI MALTTIA IN AMBITO INPS.

  • Il certificato deve essere scritto con GRAFIA leggibile. univocamente interpretabile e deve sempre recare FIRMA e TIMBRO del Medico che lo rilascia; in caso di CORREZIONI queste devono essere controfirmate dal curante stesso, onde escludere le eventuali variazioni non apportate dal Medico che ha redatto il certificato.
    Deve sempre essere indicato se trattasi d’inizio, continuazione o ricaduta di malattia, riportando altresì, in ogni caso
    LA DATA D’INIZIO della stessa; si rammenta che della veridicità di tale data non è responsabile solo il medico, ma anche l’assistita: Il medico ha il dovere di richiedere tale elemento e di riportarlo nel certificato.
  • La DIAGNOSI deve sempre essere indicata, evitando abbreviazioni e sigle, salvo che d’inequivocabile ed inconfondibile significato; è anche opportuno evitare, in sostituzione della diagnosi, espressioni quali : “vedi precedenti”, “idem”, “continuazione” ecc. Le indicazioni: “visita specialistica”, “accertamenti”, “cure”, “visita medica” ed analoghe non possono sostituire la diagnosi ed in ogni caso non necessariamente implicano un’incapacità lavorativa.
    Si ricorda che in questo ambito, la diagnosi, pur sempre di natura clinica, assume valenza medico legale, come ben si evince anche dell’intestazione del modulo stesso: “Certificato di diagnosi per indennità di malattia”.

E’ intuitivo, pertanto che dalla diagnsoi deve SEMPRE risulatre l’elemento causale (o l’insieme dei fattori ricorrenti al concretarsi) del rischio assicurato: INABILITA’ TEMPORANEA ASSOLUTA AL LAVORO SPECIFICO A CAUSA DI MALTTIA.

Si ricorda la definizione di Malattia elaborata da Gerin:
” modificazione peggiorativa dello stato anteriore a carattere dinamico, estrinsecantesi in un disordine funzioanle apprezzabile (di una parte o dell’intero orgnasimo) il quale determina un’effettiva limitazione dell avita organica e soprattutto, della vita di relazione e richiede un intervento terapeutico per quanto modesto”.

Tale indispensabile requisito, ove non palesemente evidente con la formulazione diagnostica nosologica, deve essere esplicitato con tutti gli elementi ritenuti utili quali: etiologia (anche se solo sospetta), natura ed entità dei sintomi, decorso (remittente, ingravescente, pousseé, recidiva, ricaduta, riacutizzazione ecc.), reponsività alle terapie, indagini effettuate, in corso, da effettuare, ecc…

In tale ottica vanno bandite DIAGNOSI LACUNOSE quali ad esempio:

  1. ESITI DI INTERVENTI CHIRURGICI se prive d’insufficienti indicazioni riguardo all’epoca ed al tipo d’intervento, e ad eventuali sue indicazioni (in proposito si rammenta che gli interventi chirurgici effttuati a soli fini ESTETICI non sono indennizabili),
  2. PATOLOGIE CRONICHE (ad es. diagnosi di artrosi tout court) di per sé non comportanti l’instaurarsi dell’inabilità suddetta,
  3. DIAGNSOI GENERICHE per mancanza di collocazione nosologica e/o attribuzione patogenetica, e/o entità e natura (anche sintomica del decorso), ad es. “virosi”, “bronchite”, “faringite”, “epatite”, ecc…La data di rialscio del certificato NON PUO’ precedere quella d’inizio malattia (ad es. data di rilascio 20.12.94 e “……     dichiara di essere ammalato dal 21.12.94″

S’invita a non rilasciare certificati che attestino un EVENTO CONCLUSOSI ALLA DATA DI REDAZIONE (Ad es. data di rilascio 20.12.94 e “dichiara di essere ammalato dal 19.12.94…… prognosi a tutto il 19.12.94″), si rammenta che nello stilare un certificato, al Medico è fatto d’obbligo di riporatre, oltre ovviamente le proprie conclusioni, esclusivamente i FATTI che ricadono sotto la propria diretta osservazione.

A tale proposito bisogna prestare particolare “prudenza” sia nel certificare che nel giustificare un’eventuale assenza del proprio assistito alla visita di controllo per non ricorrere nel “falso ideologica”, reato contemplato dagli Art. 480 e 481 C.P.

  • Sul certificato non va indicato PUO’ USCIRE, la vigente legislazione (corroborata da numerose recenti sentenze di merito ed inequivocabilmente confermata da Pronunzia della Suprema Corte) impone al lavoratore in malattia non solo la reperibilità al domicilio (durante le note fasce orarie 10-12 e 17-19, sabato-domenica e altri giorni festivi compresi), ma anche una condotta operosa al fine di rendere comunque possibile l’effettuazione delle visite di controllo durante dette fasce.
    Le assenze dal domicilio in caso di controllo trovano giustificabilità solo in alcuni circoscritti casi di particolare necessità ed urgenza (documentalmente provate).
  • Per quanto riguarda i cicli di FISIOTERAPIA, si ricorda che il Medico che redige il certificato di malattia per l’effettuazione di questo tipo di terapia si assume, ovviamente la responsabilità di attestare che il lavoratore è incapace al lavoro (come già sopra riportato trattasi di “inabilità temporanea assoluta al lavoro specifico”) durante TUTTO il periodo in prognosi indicato.

In tema si ricorda che alcune categorie di lavoratori possono usufruire, per queste necessità di permessi orari, con un costo per la collettività molto contenuto rispetto al pagamento di 15 giorni d’assenza per malattia.

2 commenti

Archiviato in CERTIFICATI DI MALATTIA.

COSA DEVO FARE SE….


COSA DEVO FARE SE  una minorenne chiede la prescrizione di pillola contraccetiva?
Devo dapprima valutare se esistano controindicazioni mediche, in presenza delle quali devo rifiutare assolutamente la prescrizione. In assenza di controindicazioni mediche la prescrizione dell’anticoncezionale alla minore è possibile purchè superiore a 14 anni.
In questo caso, infatti la legge consente libertà e autonoma decisione del soggetto sulla propria vita sessuale. Per evitare eventuali contestazioni future, è comunque opportuno inviare la minorenne presso un consultorio che effettui la prima prescrizione della pillola, alla quale il medico potrà fare seguire le sue ripetizioni di ricette.

COSA DEVO FARE SE un paziente mi presenta una prescrizione o una ricetta ormai scaduta chiedendomi di rinnovargliela corregendo la data?
Posso effettivamente correggere la data, controfirmando la correzione perchè si tratterebbe di un rinnovo di prescrizione effettuata in data odierna utilizzando un modulo precedente.

PRAGA - AGOSTO 2008.

PRAGA - AGOSTO 2008:

COSA FACCIO SE UN paziente mi chiede di non indicare la diagnosi nel suo certificato?

La prassi migliore, quella che non può dare origine a nessuna contestazione, è la seguente: stilare il certificato in doppia copia; sulla prima scrivere “omessa diagnosi per espressa volontà del paziente”, la seconda copia invece sarà completa di diagnosi. Entrambe le copie andranno consegnate al paziente il quale potrà inoltrare al datore di lavoro quella senza diagnosi e mantenere quella con diagnosi per eventuali visite di controllo o per verifiche fiscali.
Sono possibili altre procedure: scrivere sul certificato (e far sottoscrivere dal paziente “omessa diagnosi per volontà dell’interessato”). In alcuni casi particolari; poi la legge prevede espressamente che ill medico non debba indicare la diagnosi, come nel caso di interruzione volontaria di gravidanza. In alcuni casi possono però riscontrarsi conflitti tra diverse normative.

COME MI REGOLO SE mi viene richiesto di compilare un certificato INAIL per uno studente che si sia fatto male a scuola?
Lo posso compilare tranquillamente.
Infatti la tutela INAIL non è risevata solo ai soggetti in attività lavorativa ma comprende anche altre categorie tra cui gli studenti di scuol etecniche o professionali che sono rotetti in caso di infortunio nello svolgimento di attività di laboratorio o simili. Nessun problema quindi.

COSA DEVO FARE SE un paziente mi chiede un certificato di malattia predato in quanto il suo stato morboso è, a quanto riferisce, iniziato precedentemente al momento della visita?
Il certificato deve in ogno caso riportare la data del giorno stesso in cui la visita viene effettuata. Porre una data precedente o successiva configura, come ormai ampiamente confermato dalla giurisprudenza, un falso ideologico che può comportare gravi danni al medico. Il medico può tuttavia certificare l’inizio di una malattia in data precedente alla sua viista qualora dalle condizioni del paziente, dalle notizie cliniche e dalla documentazione in suo possesso, dalla conoscenza dell’iter comune della malattia, questo rientri nei corretti parametri di una diagnosi effettuata in scienza e conoscienza. Il medico quindi riferirà (in un certificato riportante la data effettiva della visita) che la malttia risulta iniziata il giorno X. In ogni caso, indicare una data precedente come inizio di una malattia non costituisce di per sé reato.

COSA FACCIO SE PER ERRORE HO COMPILATO UN CERTIFICATO DI MALATTIA SU MODULARIO INPS a un paziente che invece appartiene a una categoria non soggetta ad INPS, ad esempio un pubblico dipendente per cui andrebbe fatto il certificato bianco su carta intestata?
La cosa non comporta sanzioni penali, né civili, né il certificato perde di validità.
Non è reato usare un modulo anzichè l’altro, anche se l’INPS chiede che il modulo rosso venga riservato ai pazienti rientranti sotto la sua tutela, e quanto per motivi di economia, dato il costo della stampa del modulo.
Il modulo INPS contiene comunque tutti gli elementi fondamentali di un certificato e cioè generalità del paziente, data, diagnosi, prognosi e firma del medico, identificabile con un timbro per cui questo certificato è valido in ogni caso anche per i pazienti apparteneti ad altre categorie.

Il manuale di clinica pratica
Autore: Dr D. zamperini

Lascia un commento

Archiviato in AVERE LE IDEE CHIARE